Home >> Notizie >> L’INPS a “portata di mouse”
L’INPS a “portata di mouse”

L’Inps ha avviato il progetto “Mobile Inps”, che fornisce informazioni e servizi anche sul cellulare, attraverso il portale e le applicazioni mobili. Semplici e intuitivi, i nuovi servizi sono stati progettati per soddisfare le esigenze delle diverse fasce di utenza dell’Istituto, attraverso l’utilizzo dei nuovi canali resi disponibili dai dispositivi mobili di nuova generazione. Semplicità di utilizzo, quindi, ma anche immediatezza, grazie all’introduzione di un sistema innovativo di navigazione basato sulla ricerca (e non su percorsi predefiniti) e su contenuti informativi sintetici ma completi. Per gli utenti sarà anche possibile esprimere il proprio gradimento in relazione ai servizi forniti.

Inoltre, sono state sviluppate due nuove applicazioni in aggiunta a quelle già disponibili: Inps Servizi Mobile, per controllare la propria posizione contributiva su IPhone, e Ufficio Stampa, per avere sempre a disposizione, su IPhone e IPadm news, comunicati stampa, documenti ufficiali e contenuti multimediali dell’Istituto.

Entrambe le applicazioni sono completamente gratuite.

Alcuni dati significativi sull’utilizzo evidenziano il successo dei nuovi servizi. La pagina informativa del progetto Mobile sul sito web dell’Inps è stata visitata da oltre 177mila utenti (con una media giornaliera di 12.700, per un totale di 210mila pagine (circa 15mila al giorno).

L’effettivo utilizzo dei Servizi Mobile ha fatto registrare circa 13mila accessi, per un totale di oltre 17mila pagine (935 utenti/giorno e 1.230 pagine/giorno), il 74% dei quali ha riguardato la sezione InpsFacile. Il 65% degli utenti ha espresso un giudizio positivo sul servizio.

Cifre significative anche per quanto riguarda i download delle nuove applicazioni disponibili per IPhone e IPad: sono stati circa 39mila quelli effettuati nel periodo dal 9 al 22 maggio, ponendo i Servizi Mobili Inps ai primi posti tra le applicazioni più scaricate, all’interno della categoria “Riferimento” di AppStore.

L’Inps è anche presente con una fanpage tematica su Facebook dedicata al riscatto della laurea. È un ulteriore canale di condivisione delle conoscenze che, attraverso il web, può trovare applicazione anche nella pubblica amministrazione, con l’obiettivo di raggiungere l’universo dei più giovani. L’iniziativa Inps ha preso l’avvio nell’ambito degli eventi organizzati in occasione della Giornata per la diffusione della cultura previdenziale tra i giovani, che hanno per tema “Un giorno per il futuro”. Oggi è più semplice riscattare la laurea poiché la possibilità viene data anche a chi non ha ancora trovato lavoro.

Accedere alla pagina tematica è molto semplice: è necessario avere un profilo Facebook. Una volta entrati nel proprio profilo occorre digitare in ricerca: “Riscattare la laurea” e per ottenere le informazioni cliccare su “mi piace”. Il 50% di chi ha trovato la fanpage dell’Inps ha scelto di saperne di più.

Il riscatto della laurea è un valido aiuto per aumentare il montante contributivo. Prima si inizia a fare la domanda e a “riscattare la laurea” e più cospicua sarà la futura pensione. Il riscatto si può pagare in un’unica soluzione o anche in 120 rate mensili senza l’applicazione di interessi per la rateizzazione. L’importo, inoltre, può essere dedotto dall’imponibile fiscale se chi riscatta lavora o detratto dalle tasse se non lavora ed è fiscalmente a carico dei genitori.

Per saperne di più oltre alla fanpage su Facebook ci si può collegare anche al sito www.inps.it. (aise)

the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top