Home >> Ambasciata Madrid,Comunicazioni,Dall'Italia,Dalla Spagna,Il Comites informa,Notizie,Politica,Primo piano >> DESTINAZIONE ITALIA: AL VIA LA CONSULTAZIONE PUBBLICA PER SEGNALARE PROPOSTE E SUGGERIMENTI
DESTINAZIONE ITALIA: AL VIA LA CONSULTAZIONE PUBBLICA PER SEGNALARE PROPOSTE E SUGGERIMENTI

Da mercoledì 9 ottobre è partita la consultazione pubblica su Destinazione Italia, il programma varato dal Governo Letta con lo scopo di attrarre investimenti esteri e consolidare la competitività delle aziende italiane.
Avevamo già parlato di Destinazione Italia in occasione del suo lancio promozionale lo scorso settembre. Fortemente voluto dal premier Enrico Letta e dai ministri Bonino e Zanonato, il documento contiene 50 misure complessive che lo stesso Letta definì “secche e semplici per cercare di semplificare la vita alle imprese che vogliano investire in Italia”.

Si punta a dare maggiori garanzie in materia fiscale, giustizia e tempi brevi per le autorizzazioni; si mira a valorizzare i punti di forza del made in Italy rendendoli più appetibili per possibili investitori stranieri.
Presentato al mondo con un road show che ha toccato Wall Street ed Emirati Arabi, Destinazione Italia vuole essere una forte risposta alla sempre più sterile e inesistente attrazione di capitale estero nel nostro Paese, cosa ben diversa  dall’ export.

Adesso è tempo che le misure in esso contenuto diano i primi risultati.
Con un messaggio lanciato sul social network Twitter, la titolare del ministero degli Affari Esteri Emma Bonino ha così commentato l’avvio della consultazione: «su Destinazione Italia abbiamo lanciato una consultazione pubblica perché vogliamo chiedere a investitori, imprese, sindacati, associazioni, cittadini di partecipare, aiutandoci ad individuare dove occorre agire prioritariamente. La qualità delle norme ne uscirà inevitabilmente migliorata e animeremo un dibattito in Italia sull’importanza degli investimenti esteri. Le norme e i decreti arriveranno nelle prossime settimane: alcune già con la legge di stabilità, altre con un provvedimento Destinazione Italia ad hoc. Il nostro lavoro, però, non sarà finito quando avremo approvato le norme, ma soltanto quando gli investimenti cominceranno ad arrivare più numerosi».

Giovedì 10 ottobre scorso invece, presso il giardino d’inverno dell’Ambasciata d’Italia a Madrid, il Dottor Alessandro Fusacchia, Consigliere del Ministero degli Affari Esteri per le Tematiche relative alla diplomazia economica e all’Internazionalizzazione, ha condotto  la conversazione “Da ‘Restart Italia!’ a ‘Destinazione Italia’: perchè e come dobbiamo puntare su innovazione,imprenditorialità e investimenti”.

Presenti all’incontro i rappresentanti del mondo imprenditoriale italiano in Spagna, i soci della BAA Madrid, gruppo associativo di ex studenti dell’ Università Bocconi di Milano e numerosi giovani italiani che vivono a Madrid per motivi di studio, lavoro e ricerca. Il dibattito, in un clima informale e vivace, si è incentrato sul futuro del Sistema economico italiano dal punto di vista dell’ imprenditorialità giovanile. Uno degli obiettivi di Destinazione Italia è infatti anche quello di valorizzare il lavoro dei giovani italiani nel mondo, grande risorsa per il Sistema Paese.

Con l’avvio di una consultazione pubblica si vuole, in un certo qual modo, dare voce ai cittadini. Ascoltare cosa hanno da dire, le loro proposte, i loro suggerimenti. Si cerca di coinvolgerli e renderli partecipi ai progetti di quella vita politica da cui spesso si sentono tagliati fuori.

Se Destinazione Italia è nato sotto l’ottica di promuovere un reale incontro tra offerta di stimoli all’iniziativa economica da parte delle istituzioni e domanda di cittadini e imprenditori, la nuova modalità di cui si serve vuole essere una piattaforma digitale dove istituzioni e cittadini s’incontrano, cercando soluzioni comuni per il bene comune.

Pare proprio che l’Italia non abbia più paura della globalizzazione; userà tutte le carte per giocare la sua partita nel mondo? Gli assi nella manica potrebbero essere quindi, proprio i vostri suggerimenti,  che potrete far pervenire sul sito: www.destinazioneitalia.gov.it .

the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top