Home >> Dall'Italia,Il Comites informa >> IX edizione della “Borse di studio Silvana Romeo Cavaleri”: emigrazione e immigrazione nelle riflessioni degli studenti
IX edizione della “Borse di studio Silvana Romeo Cavaleri”: emigrazione e immigrazione nelle riflessioni degli studenti

Un centinaio di studenti chiamati a riflettere su emigrazione e immigrazione, sui concetti di patria e identità nazionale, tolleranza e razzismo, ma anche sull’amore e le tre grandi forme in cui si manifesta: eros – passione, filia – amicizia e agape – carità.

Temi forti e strettamente attuali quelli proposti in occasione della IX edizione della “Borse di studio Silvana Romeo Cavaleri”, concorso bandito dai licei Maurolico e La Farina di Messina e istituito dalla famiglia per ricordare la figura di una madre e moglie esemplare, prematuramente scomparsa ma sempre presente nel ricordo dei suoi cari per il riferimento luminoso che ha rappresentato.

La prova è consistita in un elaborato letterario dalle forme più disparate, dal saggio breve all’articolo di giornale, dal racconto alla poesia: una libertà espressiva capace di stimolare la creatività dei partecipanti invitati a confrontarsi con tematiche che richiedono una certa sensibilità e cultura per evitare di scadere nella banalità.

Entusiasti dei risultati i membri della Commissione giudicatrice, presieduta da presidi Antonino Grasso e Pio Lo Re e di cui fanno parte le professoresse Tiziana Cacciola, Patrizia Danzè, Antonella Dragotto, Mariella Luppino e Antonella Vadalà, il presidente dell’Ordine dei Medici Giacomo Caudo, il direttore del liceo scientifico Empedocle Giuseppe Pedullà e i giovani Massimiliano Cavaleri e Francesco Rotondo, impegnati nelle scorse settimane nella valutazione degli elaborati per scegliere 9 vincitori e assegnare 14 menzioni speciali a lavori particolarmente meritevoli.

Le Borse consistono in somme in denaro e buoni-libro messi a disposizione dalla famiglia Cavaleri e dalla Fondazione Bonino – Pulejo e nella frequenza gratuita dei corsi di preparazione per le facoltà a numero chiuso, messi a disposizione dal liceo Empedocle gruppo Ibis dell’avvocato Pedullà e dall’Istituto COT Cure Ortopediche Traumatologiche di Messina, diretto da Marco Ferlazzo.

I vincitori sono Gemma Whithorn e Alberto Nicotina (premio Cavaleri), Bruna Carnevale, Giuseppe Ilacqua, Giulia Bitto e Giulia Graziano (buoni FBP), Caterina Higgins e Carla D’Andrea (premio corso liceo “Empedocle”); Domenico Garruzzo (corso speciale COT).

Le note di merito sono andate a Marica Muffoletta, Valeria Vesto, Brunella D’Andrea, Valeria Scillia, Martina Minutoli, Stefano Vinci, Federica Sidoti, Maria Raffa, Valeria Chillè, Marta Vicinanza, Maria Concetta Bombaci, Barbara Cannata, Aldo Baratta e Paola Benvenga.

La premiazione avverrà, come di consueto nell’ambito del IX “Convegno nazionale di Primavera” promosso dall’Ordine dei Medici sabato 9 giugno al Teatro Vittorio Emanuele, quest’anno intitolato “Liberalizzazioni: nuovi scenari non solo nella Sanità”.

Fonte: (ilcittadinodimessina.it)

 

the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top