Home >> Dall'Italia,Il Comites informa >> Atto di terrorismo davanti ad una scuola di Brindisi: muore una sedicenne
Atto di terrorismo davanti ad una scuola di Brindisi: muore una sedicenne

Erano le 7 e 45 di sabato mattina,  quando davanti all’istituto professionale Morvillo Falcone di Brindisi è esplosa una bomba che ha causato cinque feriti e, purtroppo, una vittima tra i ragazzi che stavano entrando nella scuola.

Si tratta di una studentessa di soli 16 anni. Degli altri feriti, un ragazzo, fuori pericolo di vita, desta qualche preoccupazione avendo riportato ustioni per il 40 per cento, mentre una seconda ragazza è gravemente ferita ed i medici stanno cercando di salvarle la vita .
L’ordigno, composto collegando tre bombole di gas, era stato posizionato davanti al muretto che delimita l’ingresso della scuola dove, a quell’ora, si affollavano i ragazzi in entrata.
Volevano una strage, è stato il commento  dell’ex Procuratore nazionale antimafia Pierluigi Vigna. Intanto sul posto sono giunte tutte le autorità inquirenti ed esponenti della politica locale, mentre sono attesi team di investigazione specializzati dei Carabinieri e della Polizia di Stato.

E’ la prima volta nella storia italiana che un atto di terrorismo ha scelto come obiettivo una scuola. E fanno già discutere, con approcci diversi, alcuni elementi che hanno caratterizzato questo gravissimo episodio. Innanzitutto l’intitolazione della scuola ai magistrati Francesca Morvillo e Giovanni Falcone, periti nell’attentato di cui ricorre proprio mercoledì 23 l’anniversario. Inoltre il programmato arrivo nella città della Marcia Antimafia, che sta toccando diverse città italiane. Sul piano più generale, l’intensificazione delle repressione nei confronti delle attività criminali nel capoluogo brindisino. Questi elementi farebbero propendere per una pista legata alla criminalità organizzata, ma, secondo altre interpretazioni a caldo, l’efferatezza del gesto e l’obiettivo scelto farebbero pensare al terrorismo politico.
Il capo dello Stato Napolitano, che segue la questione di minuto in minuto, si è stretto attorno alle famiglie delle vittime e degli altri ragazzi colpiti. In arrivo a Brindisi il ministro dell’Istruzione Profumo, mentre cominciano a registrarsi condanne da parte di molti altri esponenti politici.

Fonte: (aise.it)

the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top