Home >> Dall'Italia,Notizie >> Accordo internazionale del Molise per la salvaguardia delle risorse idriche
Accordo internazionale del Molise per la salvaguardia delle risorse idriche

Michele Iorio - Presidente Regione Molise

Il Molise, dopo aver intrapreso con entusiasmo e convinzione il percorso per la gestione associata della risorsa acqua in ambito interregionale, ora avvia un discorso internazionale aprendo rapporti con un’importante organizzazione a livello mondiale che si occupa proprio della promozione, della salvaguardia e della diffusione dell’acqua”. Così il presidente della Regione Molise, Michele Iorio, anche nella sua qualità di presidente dell’Euroregione Adriatica, ha commentato la firma di un accordo quadro siglato insieme al segretario generale dell’Autorità di Bacino nazionale dei fiumi Liri-Garigliano e Volturno, Vera Corbelli, e al direttore del Water Assessment & Advisory – Global Network (WASA – GN), Carlos Fernandez-Jauregui, per la collaborazione “Water Assessment & Advisory Global Network”.

L’accordo si prefigge di: promuovere un’attività di collaborazione tra i soggetti sottoscrittori allo scopo di integrare ed utilizzare il sistema delle conoscenze disponibili nello sviluppo di progetti di comune interesse; garantire il reciproco supporto nei progetti ed iniziative che si andranno ad individuare e realizzare di concerto sui temi di interesse; promuovere una migliore conoscenza dei processi, delle pratiche di gestione e delle politiche che aiutino a migliorare la qualità e la disponibilità delle risorse idriche in considerazione dei principi enunciati in premessa; accrescere il livello di consapevolezza delle comunità locali sulle problematiche presenti e future delle risorse idriche, attraverso adeguati programmi di partecipazione, informazione e consultazione pubblica; attivare la partecipazione della Regione Molise e dell’Autorità di Bacino Nazionale dei Fiumi Liri-Garigliano e Volturno, come membri istituzionali, alla rete WASA – GN.

“Mi auguro di poter coinvolgere direttamente anche l’Euroregione Adriatica e la sua rete istituzionale ed economico-produttiva”, ha auspicato Iorio. “Vogliamo ragionare con le altre regioni meridionali, e ora con WASA, per mettere a punto progetti innovativi da offrire ad un sostegno finanziario in ambito UE e internazionale”. (aise)

the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top