Home >> Dalle Associazioni >> XVI edizione della “Giornata del Siciliano nel Mondo”: la riflessione di Sicilia Mondo
XVI edizione della “Giornata del Siciliano nel Mondo”: la riflessione di Sicilia Mondo

Con il tema “Dare voce ai giovani siciliani che si trasferiscono all’estero” prescelto per la Giornata del Siciliano nel mondo, Sicilia Mondo ha inteso aprire una finestra su un fenomeno nuovo riguardante un “mondo nuovo” di pregnante attualità nella società italiana e siciliana e pressoché ignorato dal Governo, dalle Istituzioni e dalle forze politiche. Il riferimento è all’esercito dei 70.000 giovani che per ragioni diverse, si sono trasferiti nell’ultimo anno nei paesi europei, nell’America del Nord ed in Australia. Ma la fuga continua. Per Sicilia Mondo parlare di giovani significa parlare di futuro. Occorre dire che  per i ragazzi di oggi è diventata una normalità navigare e comunicare  con gli altri, percorrere le vie del mondo via SKYPE o Facebook. Cercano i coetanei con i quali relazionare, avendo scoperto che sono simili tra di loro più di quanto non si creda. Hanno una gran voglia  di esplorare e di conoscere il mondo. Inseguono sogni, opportunità, successi. Molto diffusa la ricerca dei cognomi italiani. Ai massimi quella tra i siciliani, soprattutto per la curiosità di scoprire che cosa vuol dire essere siciliani fuori dalla Sicilia.

I ragazzi ostentano sempre l’orgoglio della propria italianità, ma ritorna sempre la difesa della Regione di origine. Si sentono italiani, europei, ma anche siciliani. La globalizzazione ha trasformato in profondità la società di oggi, imponendo grandi cambiamenti nello stile di vita e rendendo più difficile l’accesso al mondo del lavoro delle nuove generazioni, ma ha sdoganato per loro le strade del mondo rendendole percorribili. La nostra riflessione è puntata sulla mobilità sempre più diffusa di tanti giovani siciliani istruiti, neolaureati, specializzati, operai a seguito delle imprese che si trasferiscono nei Paesi più promettenti per ragioni di studio, di perfezionamento professionale, di lavoro o, comunque, alla ricerca di prospettive per realizzarsi e costruirsi un futuro. Spesso facendo leva soltanto sulle proprie capacità, spirito di intraprendenza e coraggio.

Anche se la fuga di un importante capitale umano come quello dei giovani rappresenta sempre un impoverimento della società, siamo convinti che andare per studiare o perfezionarsi all’estero, rappresenti uno stimolo importante nella crescita formativa, personale e professionale dei giovani. Meglio se fatta per scelta. L’obiettivo è trovare la propria strada nel mondo. L’Italia attraversa un momento difficile. Fuori ci sono più possibilità. Siamo convinti, altresì, che il loro inserimento ed acquisizione di professionalità nelle Università di eccellenza e nei centri culturali, scientifici e produttivi più avanzati nel mondo, sia fattore di rilancio della immagine della Sicilia sul piano culturale ed economico e della stessa italianità. Ovviamente, l’auspicio è quello che  il periodo di studio, di perfezionamento o di lavoro all’estero rappresenti solo la tappa di un percorso che riporti in Italia nuove  specializzazioni,  professionalità, innovazione ed esperienze.

Nella realtà i risultati, secondo le segnalazioni  che vengono dagli stessi giovani, sono incoraggianti.

I giornali e la stampa in genere, citano con crescente frequenza le esperienze dei tanti giovani siciliani, studenti o neolaureati che si sono affermati diventando talenti nelle Università straniere, nei centri di ricerca e delle tecnologie avanzate e nelle innovazioni. Anche per loro, ancorché istruiti ed intraprendenti, l’adattamento nella nuova società non è stato e non è cosa facile per l’impatto con i problemi dell’accoglienza, dell’alloggio, della ricerca e del lavoro, spesso della solitudine. Una volta insediati, vivono nella normalità la realtà del Paese che li ospita ma è ovvia la esigenza che non vengano tagliati dai problemi della Nazione e della Sicilia. Questa considerazione fa riflettere sulla necessità di intervenire  promuovendo iniziative, operatività, servizi di sostegno, informazione, dando ascolto alle loro domande ed esigenze. Soprattutto incoraggiandoli e rassicurandoli  che non sono stati dimenticati dalla loro terra. Ne hanno il diritto come siciliani e come giovani soprattutto. Ma occorre pensare anche a progetti incentivanti e di valorizzazione per coloro che  rientrano. Si tratta di individuare le politiche ma anche gli strumenti più adatti per costruire con loro un rapporto di relazioni e di vicinanza affettiva. Quello stesso che le Associazioni di emigrazione hanno realizzato negli ultimi 50 anni con i siciliani che, nel tempo, hanno dovuto lasciare la loro terra. Un rapporto che ha consentito di tenere in vita i valori identitari impendendo la loro assimilazione culturale nella società di insediamento. Un rapporto divenuto oggi relazione di quotidianità. Su questo tema, Sicilia Mondo nella continuità di un impegno quaranta cinquennale di dedizione senza soste nei confronti dei corregionali, intende aprire una pagina nuova di iniziative di concerto con le Associazioni aderenti ed i corrispondenti ed una politica di sensibilizzazione delle Istituzioni, delle forze politiche e della stampa. In questa direzione, ha scelto il tema della mobilità giovanile siciliana  come argomento di riflessione e di dibattito nella celebrazione della XVI edizione della Giornata del Siciliano nel mondo, manifestazione ormai largamente istituzionalizzata nelle collettività siciliane di tutto il mondo, come giornata di riflessione e di incontro per la ricorrenza della istituzione della Regione Siciliana.

A Catania, la Giornata del Siciliano nel mondo sarà celebrata il prossimo 19 maggio , presso la sede sociale. Sono stati invitati studiosi ed operatori sociali. Il progetto operativo partirà dalle indicazioni che scaturiranno dall’incontro e dalle proposte delle Associazioni aderenti sensibilizzate ed allertate su questo tema.

Fonte: (Inform)

 

the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top