Home >> Comunicazioni,Dalle Associazioni >> Crescono le community pugliese e veneta nel mondo

Crescono gli iscritti a “Young Apulians” il social network dei pugliesi nel mondo, nato per mettere in collegamento le radici comuni dei giovani pugliesi e originari pugliesi nel mondo.
Su www.youngapulians.net non solo è possibile condividere esperienze e contributi espressivi (musica, video, teatro), ma anche guardare la web tv all’insegna della “pugliesità”.
Il progetto – nato da un gemellaggio internazionale tra l’ITCG Luigi Einaudi di Manduria(TA) e l’Albert-Einstein-Schule Gesamtschule di Remscheid – è organizzato e gestito dall’Associazione Internazionale “Pugliesi nel Mondo” e finanziato dalla Regione Puglia, Assessorato alla Solidarietà, Settore Politiche per le Migrazioni – Pugliesi nel Mondo.

Aldo Rozzi Marin, Presidente dell’Associazione Veneti nel Mondo Onlus, annuncia i progetti che coinvolgeranno gli iscritti alla banca dati recentemente costituita: GLOBALVEN.
“La costituzione della banca dati di professionisti veneti e discendenti di veneti, GLOBALVEN (www.globalven.org), è stato un successo: oltre mille le iscrizioni che permettono di valorizzare l’eccellenza veneta nel mondo! Adesso vogliamo instaurare sempre più scambi e relazioni tra il Veneto e gli altri paesi del mondo. “GLOBALVEN – prosegue Rozzi Marin – è stato fin da subito considerato uno strumento utile sia dalla Regione del Veneto che dall’Unione Regionale delle Camere di Commercio del Veneto (Unioncamere Veneto), la struttura che associa tutte le Camere di Commercio Industria Artigianato Agricoltura della nostra regione. È così partito “Veneto2Mercosur”, progetto finanziato dall’Assessorato ai flussi migratori della Regione del Veneto, ideato e realizzato da Unioncamere del Veneto, che promuove l’imprenditorialità di origine veneta e la nascita di solide relazioni di partenariato e di business tra imprenditori accomunati da tale origine, con l’obiettivo di contribuire in maniera nuova all’internazionalizzazione del Veneto”. (Fonte:AISE).

the author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top